top of page
Cerca

Api, l'ultima frontiera di vita!


L'ape, insetto meraviglioso dalle straordinarie facoltà di creare la vita vegetale attraverso un semplice ma alquanto elaborato gioco di voli.

Il suo mestiere di impollinatore è fondamentale per la vita sulla Terra di tutti gli esseri viventi: senza di lui il mondo non esisterebbe, la natura non si moltiplicherebbe con il cambio delle stagioni, la terra diventerebbe arida, comincerebbe a scarseggiare l’ossigeno e cesserebbe ogni forma di vita.

Non è poco per un essere così piccolo che vive con il solo scopo di succhiare nettare di fiore in fiore, trasportando polline sulla terra, portando il prezioso cibo nella sua casa e immagazzinare quella sostanza zuccherina, combinata con altre sostanze e lasciata maturare nelle celle dei favi per poi creare il miracoloso miele.

Come è possibile che un essere vivente presente sul pianeta da 50 a 25 milioni di anni fa si stia estinguendo? Cosa abbiamo fatto noi uomini per arrivare alla possibile estinzione di una creatura così preziosa per l’uomo?

E’ semplice: globalizzazione, coltura intensiva e conseguentemente uso di pesticidi, distruzione del loro territorio.

Le colonie di api mellifere, in particolare quelle dell'ape occidentale, sono in declino dal 2006, quando avvenne un fenomeno chiamato disturbi da collasso della colonia.


Si tratta di un fenomeno allo studio dei ricercatori che al momento hanno segnalato le varie cause del misterioso atteggiamento:

  • Aumento delle perdite dovute all'invasivo acaro varroa (un parassita delle api mellifere).

  • Malattie nuove o emergenti come il virus della paralisi acuta israeliana e il parassita intestinale Nosema.

  • Avvelenamento da pesticidi attraverso l'esposizione a pesticidi applicati alle colture o per il controllo di insetti o acari nell'alveare.

  • L'esperienza delle api stressanti è dovuta a pratiche di gestione come il trasporto in più località del paese per fornire servizi di impollinazione.

  • Cambiamenti nell'habitat in cui le api si nutrono.

  • Foraggio inadeguato/alimentazione scorretta.

  • Potenziale stress immunosoppressivo sulle api causato da uno o da una combinazione di fattori sopra identificati.


Nell’inverno 2018-2019 morirono 50 miliardi di api, più di un terzo delle colonie commerciali degli Stati Uniti. Nell’Unione Europea gli alveari sono diminuiti di oltre il 50% negli anni scorsi. In Italia questa cifra si attesta sul 20/30%.


Le api sono gli insetti impollinatori per eccellenza!

L’ambiente in cui viveno sta cominciando a diventare ostico: il caldo eccessivo rende difficoltoso per le piante produrre nettare e polline per le api, impoverendo quindi la loro impollinazione. La scomparsa degli habitat naturali a causa dei disboscamenti per la costruzione di nuove infrastrutture distruggono le piante di cui si nutrono.

I cambiamenti climatici hanno un impatto negativo sulla sopravvivenza delle api e di tutti gli altri insetti impollinatori.

L’uso di pesticidi letali per le api contribuisce alla loro scomparsa.

Senza di esse il nostro pianeta Terra piano piano assisterà alla scomparsa di tante specie viventi. Dobbiamo fare qualcosa!


Nel nostro piccolo seminare una pianta di fiori profumati che attira le api, rendergli così un piccolo habitat in cui rifocillarsi per poter continuare a lavorare a quel processo meraviglioso che ci permettere ancora oggi di vedere un bel prato fiorito, un albero di ciliegio in fiore o un bosco odoroso e verdissimo.


Ma tanto altro si deve fare:

  • Evitare le monocolture e favorire la biodiversità.

Le api hanno bisogno di fioriture continue e le monoculture interrompono questo circolo virtuoso, fornendo polline solo per brevi periodi e togliendo la biodiversità delle piante, elemento fondamentale per prosperare.

  • Evitare l’uso dei pesticidi

I pesticidi causano la paralisi e la conseguente morte delle api. Adottare un‘agricoltura più sostenibile senza l’uso di pesticidi chimici

  • Piantare le piante “amiche” delle api

I fiori amici delle api da piantare sia su un semplice balcone, sia in un piccolo orto.

  • Piantiamo siepi

Se avete la necessità di mettere un divisorio in giardino, usate le siepi : sono un riparo per le api, che le aiuta a sopravvivere sia al grande caldo estivo sia al freddo inverno.

  • Costruire una casetta per le api

Una casetta per le api crea un rifugio sicuro per tutti gli insetti che necessitano riposo, soprattutto se indeboliti da pesticidi e/o fertilizzanti. Spesso troviamo api stordite accasciate sul balcone. In commercio ne esistono di tanti tipi oppure possiamo crearle da noi, con un po' di fantasia.



Il 20 maggio è la Giornata Mondiale delle Api: anche sensibilizzare l’opinione pubblica organizzando piccoli tavoli d’informazione nel proprio territorio è una bellissima iniziativa per aiutare le nostre preziose amiche, regalando semi da impiantare che facciano crescere fiori succulenti per loro.


Un piccolo gesto di tutti può cambiare il mondo, sempre!

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page