top of page
Cerca

L'acqua di mare, un carburante naturale per automobili.



Nata da un'idea che ha generato inizialmente molti scetticismi al salone di Ginevra del 2013, Quant e-Sportlimousine di Nanoflowcell è un'auto elettrica che ha una caratteristica unica: è la prima automobile ad essere alimentata con acqua di mare e dal 2014 è partita la sperimentazione in Germania per la sua produzione.

Un'auto superlusso da 644 cavalli con una velocià di 250km/h , che fa da 0 a 100 in 2,6 secondi, oltre 600km di autonomima con ... un paio di carafffe di acqua salata!

L'automobile doveva essere commercializzata nel 2015 anche a seguito della quantità di prenotazioni, ma come per magia...scompare nel nulla.

Una nuova tecnologia che sfrutta un elemento davvero ecologico ed economico come l'acqua del mare, una tecnologia che non prevede lo sfruttamento di terre rare o la produzione con un notevole impatto ambientale. Nulla di tutto ciò.

Allora perché nessuno ne è a conoscenza?

Perché in un momento così importante in cui veniamo martellati tutti i giorni sul cambiamento climatico, sui nostri comportamenti virtuosi per fermare l'emissione di CO2 non viene usato questo medoto altamente ecologico?

I politici o chi governa il mondo dovrebbero scegliere questo tipo di tecniche come nuovi metodi rivoluzionari e eco-compatibili per combattere il problema ecologico e far di tutto affinché si possa iniziare una produzione di queste auto su larga scala, anziché continuare a pubblicizzare le auto elettriche con batterie al litio che devastano gli ecosistemi (al riguardo c'è un altro articolo sul sito in merito all'inquinamento delle auto elettriche!).



Ma qual è il segreto di questa nuova energia che sfrutta la semplice acqua salata?




Prima di tutto il processo di purificazione dell'acqua è un'importante fase preliminare nella produzione della soluzione elettrolitica bi-ION, che è il carburante finale che viene inserito nel motore.

  • Vengono trattate diversi tipi di acque oltre a quella di mare: acque reflue con livelli di inquinamento elevati, acque reflue generate dall'uso domestico, industriale e l'acqua piovana.

  • L'acqua viene filtrata e demineralizzata: i processi utilizzati hanno un basso costo economico e energetico.

  • Una volta che l'acqua è purificata e soddisfa gli standard di qualità di produzione bi-ION, aggiungono composizioni di sali metallici e non metallici in un rapporto quantità ben definito per poi procedere all'inserimento della molecola bi-ION all'interno della soluzione.

  • Attraverso un processo di produzione complesso trasformano l'acqua di mare in un potente elettrolita che fornisce l'energia necessaria per far funzionare l'automobile.

Il bi-ION® è il marchio dell'elettrolita liquido brevettato da nanoFlowcell. È composto da sali, acqua e veri e propri vettori energetici: molecole appositamente progettate.



Come si trasforma in energia?


"A differenza delle batterie convenzionali, l'energia della nanoFlowcell® viene fornita sotto forma di elettroliti liquidi (bi-ION®), che possono essere immagazzinati all'esterno della cella si. Come con le normali batterie a flusso, i liquidi elettrolitici caricati positivamente e negativamente vengono immagazzinati in due serbatoi separati e pompati attraverso un trasduttore (la cella vera e propria del sistema nanoFlowcell) in circuiti separati, proprio come in una cella a flusso tradizionale.

Qui i due circuiti elettrolitici sono separati solo da una membrana permeabile. Quando le soluzioni elettrolitiche positive e negative passano lungo entrambi i lati della membrana del trasduttore, avviene uno scambio ionico. Ciò converte l'energia chimica contenuta in bi-ION® in elettricità, che a sua volta viene resa immediatamente disponibile ai consumatori elettrici." lo spiega ampiamente il sito della casa produttrice.



Vantaggi


La specifica soluzione salina acquosa garantisce che bi-ION sia facile da trasportare e da utilizzare anche in condizioni di temperatura estreme.


Non richiede più lunghe ricariche come le batterie convenzionali o quelle in commercio di nuova generazione. Infatti il fluido elettrolitico bi-ION® usato può essere semplicemente riempito.


In merito all'anidride carbonica emessa, la tecnologia nanoFlowcell potrebbe far risparmiare 19.250 megatoni di CO all'anno2, pari al 75% delle emissioni di CO2 generate dai trasporti e dal traffico in tutto il mondo.


Il fluido rilascia vapore acqueo durante il trasporto, anziché gas nocivi alla salute.




La produzione delle nanoFlowcells utilizza sostanze e materie prime facilmente reperibili in natura, senza ricorrere a elementi rari e di difficile estrazione.


Sia le celle che la soluzione elettrolitica bi-ION® sono prive di metalli preziosi o provenienti dalle terre rare.

Tutte le materie prime essenziali per nanoFlowcell® e i suoi elettroliti possono essere ottenute in modo sostenibile, utilizzate senza comportare rischi per la salute e smaltite in modo sicuro per l'ambiente.


Una nanoFlowcell® può gestire fino a dieci volte più cicli di ricarica rispetto ai tradizionali sistemi di batterie agli ioni di litio (batteria agli ioni di litio: circa 1.000 cicli di ricarica).


La soluzione elettrolitica ha una densità di potenza paragonabile alle moderne batterie agli ioni di litio, ma una densità di energia cinque volte superiore.


Rispetto alle batterie agli ioni di litio usate nei moderni veicoli elettrici, una nanoFlowcell® alimentata da bi-ION fornisce energia sufficiente per cinque volte l’autonomia di un veicolo elettrico convenzionale.


La soluzione elettrolitica bi-ION® può essere prodotta in quasi tutti i paesi del mondo, a condizione che siano disponibili le attrezzature di produzione necessarie, senza quindi sottostare a monopoli della attuali grandi aziende di petrolio e litio.


Diversamente dai vettori energetici convenzionali come benzina, diesel, idrogeno e batterie agli ioni di litio, bi-ION® è atossico e infiammabile, due soluzioni in una che eliminano le più gravi conseguenze degli attuali trasporti.


La produzione industriale di questa "soluzione ecologica" è significativamente più economica rispetto agli attuali processi di raffinazione dei combustibili fossili o di produzione e utilizzo di batterie agli ioni di litio.


Sembra davvero l'auto dei nostri sogni: atossica, ecologica, rispettosa della salute e dell'ambiente, veloce, facile da gestire e mantenere...a parte il costo ancora troppo alto.

Ad oggi sono state prodotte 3 tipi di automobili: QUANT 48VOLT, QUANTiNO 48VOLT e QUANTiNO venticinque. I prezzi al momento non si conoscono, il marchio ha fatto un viaggio transalantico per arrivare negli Stati Uniti, dove verrà aperta una filiale per la produzione delle prime auto.



Ci auguriamo che questo percorso oltreoceano non sia un viaggio senza ritorno e che la realizzazione di questo "possibile" prodigio della tecnologia venga dimenticato come già è accaduto 10 anni fa.


In questi anni stiamo imparando che tutto ciò che realmente fa bene al pianeta viene sempre archiviato, cancellato e dimenticato per far spazio a ciò che sembra faccia bene, secondo una politica comune che non deve essere contraddetta ma servizievolmente accettata.

Noi siamo diversi però. Noi analizziamo le proposte, le idee, le valutiamo a 360° senza condizionamenti esterni e ci facciamo la nostra opinione.



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page